Il palloncino

Quale è la maggiore conseguenza della crisi economica? Come ci si sente? come si vive? come si guarda al futuro?
La crisi economica o credit crunch come lo hanno soprannominato gli inglesi ha paralizzato tutto il mondo industrializzato e ha inevitabilmente influenzato anche la nostra vita, quindi anche la mia… Il lavoro sicuro è diventato come vincere alla lotteria. E senza lavoro che progammi possiamo fare noi giovani per il futuro? Niente contratto, niente mutuo, niente vacanze, niente possibilità di vivere una vita decente e toglierci qualche sfizio…
L’effetto negativo di ciò è che i capi e le imprese si approfittano di noi, non si vergognano a chiederci ogni giorno qualche cosa in più. Non ci si può mai lamentare, non si possono chiedere ore di permesso, niente ferie… Se osi dire qualcosa ti fanno capire che sei fortunata perchè hai un lavoro, che hanno la fila fuori dalla porta di potenziali sostituti e quindi non ti resta che tacere.

Questo clima, questi pensieri aleggiano dentro di me, e non mi permettono di lavorare e vivere bene. Sono diventata insicura, controllo ogni dettaglio mille volte, cosa che mi rende inevitabilmente lenta e quindi inefficiente (secondo la mia capo ufficio)…

Mi sento precaria, voglio farcela da sola a starci dentro e perciò questo lavoro mi serve per forza… ma a volte mi viene un groppo in gola, mi sembra di soffocare, trattento le lacrime di rabbia. Mi sembra di affogare in mezzo a tutti questi pensieri. E qui scatta la speranza. Perchè uno ha bisogno di credere in qualcosa, ha bisogno di aggrapparsi a qualcosa che lo tenga in vita, sia esso un sogno o un miraggio.

La speranza per me è come un palloncino. Tengo stretto il filo del palloncino. So che non volerò mai in alto con il mio palloncino ma almeno guardo in alto nel cielo e quando ho paura stringo forte il filo. Forte forte. Spero tanto che accada qualcosa di bello, qualcosa che mi dia di nuovo la possibilità di sperare.

Il palloncinoultima modifica: 2009-01-24T19:19:00+01:00da sciarpina2
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Il palloncino

Lascia un commento